Depressione, ansia, dolore, disperazione, stress, persino suicidio: il danno causato dal mutamento climatico non si conta solo in carenze idriche e incendi, probabilmente erodendo anche la salute mentale su larga scala, riferisce l’American Psychological Association, il preminente organizzazione di professionisti americani di salute mentale.

L’esperienza diretta e acuta con un clima che cambia – il trauma di perdere una casa o una persona cara a causa di un’inondazione o di un uragano, per esempio – può portare a conseguenze per la salute mentale improvvise e gravi. Dopo l’uragano Katrina, ad esempio, il suicidio e l’idea suicidaria tra i residenti delle aree colpite dal disastro sono più che raddoppiati secondo un articolo condotto dalla Harvard Medical School, mentre uno su sei ha soddisfatto i criteri per il PTSD, secondo un articolo condotto dalla Columbia University . Livelli elevati di PTSD sono stati riscontrati anche tra persone che vivono incendi violenti e tempeste estreme, che a volte durano diversi anni.

Ma catastrofi più lente come la “implacabile disperazione quotidiana” di una siccità prolungata o cambiamenti più insidiosi come la carenza di cibo, l’innalzamento del livello del mare e la graduale perdita di ambienti naturali, “causeranno alcune delle conseguenze psicologiche croniche più clamorose “, L’APA scrive nella sua recensione di 69 pagine della letteratura scientifica esistente, co-autore di Climate for Health ed EcoAmerica, entrambe le organizzazioni ambientaliste. “I cambiamenti graduali a lungo termine nel clima possono anche far emergere una serie di emozioni diverse, tra cui la paura, la rabbia, i sentimenti di impotenza o stanchezza.”

Inoltre, quando una persona è sotto stress cronico, i suoi livelli di cortisolo “ormone dello stress” aumentano. Per lunghi periodi di tempo, è stato dimostrato che lo stress cronico sopprime il sistema immunitario, “lasciando le persone più vulnerabili ai patogeni nell’aria e nell’acqua”, scrivono i ricercatori. In altre parole, la salute mentale è intimamente collegata alla salute fisica e una prolungata disperazione può portare a malattie.

Il più delle volte, le persone a basso reddito, le persone di colore e le popolazioni indigene avvertiranno per primi questi impatti e, in molti casi, lo sono già, scrive l’APA. “Gli impatti del cambiamento climatico non sono distribuiti equamente”, ha trovato nella sua recensione della letteratura scientifica.

C’è una litania di condizioni di salute mentale legate all’esperienza diretta degli impatti dei cambiamenti climatici, sia acuti che cronici, secondo l’APA:

trauma e shock
PTSD
stress aggravato
tensioni sulle relazioni sociali
depressione
ansia
suicidio
abuso di sostanze
aggressività e violenza
perdita di autonomia e controllo
perdita di identità personale e professionale
sentimenti di impotenza, paura e fatalismo
Per le persone che non vivono ancora direttamente sulla strada del cambiamento climatico, i problemi di salute mentale possono anche essere innescati indirettamente, dal “guardare gli impatti lenti e apparentemente irrevocabili del cambiamento climatico, e preoccuparsi del futuro per se stessi, i bambini e le generazioni successive. “Tale ansia esistenziale, in altre parole, può toccare chiunque sia alle prese con gli impatti più grandi della vita di un pianeta in riscaldamento. Psicologi e ricercatori stanno iniziando a chiamare questa condizione “eco-ansia”, un termine che è stato spuntato negli articoli di ricerca negli ultimi anni.

Alcune persone “sono profondamente colpite da sentimenti di perdita, impotenza e frustrazione a causa della loro incapacità di sentirsi come se stessero facendo la differenza nel fermare il cambiamento climatico”, scrive l’APA. “Alcuni scrittori [di articoli di ricerca] sottolineano il possibile impatto dannoso della colpa, poiché le persone contemplano l’impatto del proprio comportamento sulle generazioni future”.

Trattare i pazienti per un disagio psicologico in un ambiente che cambia non è esattamente nuovo, ma è di nicchia. Nel 2011, un articolo del New York Times ha messo in evidenza un’organizzazione chiamata International Community for Ecopsychology, che attualmente ha una modesta directory di 31 terapisti specializzati in problemi legati all’ambiente. All’epoca, un portavoce dell’American Psychological Association disse al giornale che l’APA era neutrale nei confronti del nuovo campo, ma “sicuramente lo stava osservando”.

L’articolo in inglese su:

https://qz.com/948909/ecoanxiety-the-american-psychological-association-says-climate-change-is-causing-ptsd-anxiety-and-depression-on-a-mass-scale/?fbclid=IwAR0CrKSwU4DBwkcfUBJ0XOLe7jsMNwmrz7jl31p9E50EE-IITywfwIwL7Q8

Categorie: Ecopsicologia

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.